Cerca
  • Homo Scrivens

La donna in bianco (Wilkie Collins)

A cura di: Serena Venditto


L’opera: Pubblicato a puntate fra il 1859 e il 1860 sulla rivista All the year around, diretta da Charles Dickens, che di Collins fu intimo amico, La donna in bianco è considerato il primo sensation novel della storia della letteratura. In una notte di luna piena, nel centro di Londra, il giovane insegnante di disegno Walter Hartright incontra una donna vestita di bianco. È terrorizzata, gli pone strane domande e alla fine scompare nel nulla. Questo episodio apparentemente senza senso cambierà completamente la vita di Hartright e quella delle sue allieve, due sorellastre residenti a Limmeridge House: la coraggiosa Marion Halcombe e la bellissima e fragile Laura Fairlie. Chi è davvero la donna in bianco e da cosa fugge? E cosa ha a che fare con la famiglia di Marion e Laura? Cosa nasconde l’affascinante conte Fosco, che sembra conoscere così bene i segreti di famiglia?

Con un meccanismo che Collins utilizzerà anche in altri testi – come ne La pietra di luna, considerato il primo poliziesco della storia della letteratura inglese – la narrazione passa di mano fra i vari personaggi coinvolti creando una straordinaria macchina narrativa, ricca di intrighi, sparizioni, misteri, batticuore, colpi di scena e dal finale veramente sorprendente.

Il personaggio: È difficile individuare un vero protagonista in questo romanzo, ma dovendo scegliere qualcuno di veramente memorabile non posso che citare Marion Halcombe. Forte, sicura di sé, risoluta ma gentile, altruista e generosa, Marion è una vera e propria eroina moderna, dolce e intelligente, che non si ferma mai, nemmeno davanti ai limiti che la cultura del tempo ha imposto alle donne.

Perché leggerlo: È un romanzo avvolgente, sì, avvolgente. Scritto magnificamente, ricco di descrizioni perfette e dialoghi movimentati, alterna con sapienza momenti commoventi, di azione mozzafiato e altri assolutamente esilaranti (quando conoscerete lo zio Friederick Fairlie e le sue manie igieniche non potrete trattenervi dal ridere). Non lasciatevi spaventare dalle dimensioni del testo (756 pagine), troverete il tempo per leggerlo. O non preoccupatevi, è talmente bello che sarà il libro stesso a prendersi il suo spazio nella vostra giornata e nel vostro cuore.

12 visualizzazioni