Io, robot (Isaac Asimov)

A cura di: Paquito Catanzaro



L’opera: Pietra miliare della fantascienza. Una raccolta di racconti nella quale vengono presentate, per la prima volta, le tre leggi della robotica (1. Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, un essere umano riceva danno; 2. Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non vadano in contrasto alla Prima Legge; 3. Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché la salvaguardia di essa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge) che segneranno tutta la produzione successiva.

Il personaggio: Protagonisti sono i robot, che mostrano il loro lato umano, fatto di: fragilità, dubbi, indecisioni. Gli androidi, fedeli alle tre leggi della robotica, mostreranno la loro devozione all’essere umano tuttavia, in più di un’occasione, vivranno un conflittuale rapporto col proprio creatore. A raccontare questi aneddoti Susan Calvin, una robopsicologa che ha trascorso l’intera esistenza a studiare i comportamenti delle macchine e a cercare di comprenderne gli atteggiamenti guardando al di là dei freddi circuiti di cui sono composte.

Perché leggerlo: Per avvicinarsi a un genere, quello fantascientifico, considerato, troppo frettolosamente, di nicchia. Asimov scava nelle profondità dei personaggi regalando al lettore degli autentici racconti di formazione ambientati in un futuro distopico nel quale il robot è visto sì come un aiutante dell’essere umano, ma pure come una creatura che cerca di affermare la propria identità rispettando quella degli altri.


Revisione di Martina Megna

25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti