top of page
Cerca

Anteprima Poetica - Salvatore D'Amora


Salvatore D’Amora - È nato nel ’90 sotto al Vesuvio. Insegna Lettere sotto le Alpi e produce pipe artigianali. Le sue poesie sono state ospitate in Gradiva – Rivista internazionale di poesia italiana e nelle edizioni napoletana e milanese di la Repubblica nella rubrica La bottega della Poesia.


Il tuo sorriso è una dispensa. Ci trovo il quotidiano a portata di mano e in fondo lo straordinario dimenticato poggiato lì e nascosto o forse mai prima notato.

***

Tu sei come questa pietra rossa raccolta sott'acqua si porta sulla pelle il fuoco e le ossa e le squame del tempo attraversato. Tu sei come quest'isola sola e selvaggia che l'uomo si ostina ad abitare e si assola nelle casette bianche assomigliandole, celebrando in segreto il segreto.

***

Un gelso bianco ti nasce tra i denti ad ogni sorriso che mi apri e io mi ci riparo in questo luglio stanco in questi caldi lenti.

***

I tramonti si addicono a settembre finto inizio e fine incerta questi tramonti lunghi acquerellati senza nerbo né violenza annacquati ultima pesca senza amo né lenza.

***

Potessimo cantare via, fratello, il tuo dolore, in un canto diplofonico che portasse qualcosa di steppa. Potessimo portare via il tuo disgusto in un ballo folle di impeto e sfida al dio diavolo al creatore e distruttore. Potessimo narrarlo via come voleva Hussein Agà o un altro vecchio trovatore: "Guai a chi ferisce il cuore dell'uomo: Dio è nel cuore dell'uomo".

***

C'è un perché nascosto di questo Siremar spiaggiato che ci respira addosso nafta e aria salmastra e arsa. Ogni germoglio giorno/tramonto Ogni occhio è luce/notte Ogni vita è/non-è. Così anche noi, neon dallo starter bruciato.







143 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page