top of page

Anteprima Poetica - Raffaele Galiero


Raffaele Galiero - Nasce a Napoli a metà del secolo scorso e da qualche anno vive a Cosenza. A cinque anni ha imparato a leggere e a scrivere e da allora non ha più smesso. Ha lavorato per 40 anni nel campo dell'informatica, poi, dopo la pensione, forse per compensare, si laurea in Comunicazione e DAMS , e prende una Laurea Magistrale in Linguaggi dello spettacolo. Comincia a scrivere per il teatro. Vince qualche concorso a cui partecipa. Poesie e racconti sono presenti in diverse antologie collettive.

Crede che il dialetto sia un bene da conservare e tramandare, e lui cerca di farlo attraverso le cose che scrive.


‘E mmedicine


Io quanno arapo ll’uocchie so’ cuntento

sulo p’ ‘o fatto ca me so’ scetato.

Nun saccio che succede ma me sento,

n’ommo felice, n’ommo affurtunato.

Me so’ scetato vivo e chesto conta.

Che fa si tengo artrosa cervicale,

si porto nu bastone pe suppunta,

e tengo affanno quanno saglie ‘e scale?

Me songo abbituato, nun me pesa.

Me piglio ‘e medicine , puntuale,

â Farmacia me faccio ‘o ppoco ‘e spesa,

e mangio in bianco, poco e senza sale.

Stu pinnolo? Me serva pe ‘a pressione.

‘A massima m’arriva a cincuciento.

Me sento ‘a capa cumme a nu pallone

e sbatto ‘nterra si nun me stò attiento.

Pe ‘o stommaco? Mi curo cu ‘o Zantac.

E’ l’acqua ncoppo ‘o ffuoco pe ‘o bruciore.

Quanno me sceto piglio na Prozac,

ca metta a posto ‘e nierve e ‘o buonumore.

Pe ‘o core sulamente l’Aspirina,

ca me mantene ‘o sango sciuliariello.

Pe ‘e delure m’abbasta na bustina,

e stongo allerta, cumme a nu pinniello.

Ajere, da n’amico, aggio appurato ,

mentre facevo ‘a fila add’’o duttore,

ca se venne nu pinolo affatato,

ca serve, nientemeno, pe fa’ ammore.

-E’ bbuono overamernte - me dicette,

caccianno na pastiglia ‘a int’’a giacca

-Però nun se spidesce cu ‘e riggette,

s’adda pavà , mettenno mana ‘a sacca.-

-E cumme faccio? Cà nce manca ‘o grano,

e ce stentammo a vita , frate mio.-

Muglierema dicette a copp’’a mano:

-Nu ce penzà p’’e sorde. T’’o pavo io.-



Nu suonno


Nu suonno, guagliunciello, m’accattaje,

quanno nu suonno nun custava niente,

e nzieme a n’ati ciento l’astipaje,

dint’’a na cascia cu na chiave argiento.


Cacciavo fore ‘a d’into ‘a casciulella,

ogni tanto, nu suonno e m’’o guardavo..

‘O criscevo cu ll’uocchie , m’arricordo,

e quasi tutte ‘e notte m’’o sunnavo.


Ma ‘e vvote nun bastava né ‘a passione,

né arraggia ‘e na jastemma mmieze ê riente,

e chisto suonno me mureva mmano,

senza ca mmano rummanesse niente.


E ne pigliavo n’ato e n’ato ancora,

lascianno â parte ‘e dinto ‘o cchiù sunnato.

L’aggio tenuto cumm’’e na relliquia,

na cosa rara, ansino a che sì nato.


E te vedevo, dinto ‘a fantasia,

nu juorno ca iri miereco, avvocato,

jucatore ‘e pallone, ballerino,

nu professore ‘e scola, magistrato.


Io me crescevo ‘o suonno , e tu criscivi,

cu n’atu suonno ca t’ire sunnato.

Io nun capevo , chello ca facivi,

e forze è chesto ca ce allontanato.


Te voglio sulo dì c’aggio capito,

e chillo suonno l’aggio cancellato.

Che sbaglio c’aggio fatto tutta ‘a vita,

penzanno ‘e me sunnà nu suonno ‘e n’ato.



‘O schiattamuorto


‘I che sciorta superchia ca tenite!

Accumpagnate ‘o muorto ‘o campusanto,

ve stracciate ‘e capille, ve sbattite,

annascunnite l’uocchie chino ‘e chianto,


chiste sempe si ‘o muorto v’è parente,

sinò? Sulo na faccia ‘e circostanza,

senza dulore, afflitta e indifferente,

ca s’impizza ‘e spichetto d’int’a stanza,


sultanto ‘o tiempe ‘e dì : “ ‘A vita è chesta!

Simmo ‘e passaggio ncopp’’a chesta terra!”

Na guardata ‘o riloggio, lesta, lesta.

“S’è fatta ll’una … ma quanno s’atterra?”


Pecchè truvate pace, sulo quanno,

ce aizammo ‘o viaggio ncopp’’e spalle.

‘O mettimmo nit’’a cascia e ce ne jammo,

e … ve luvate ‘o muorto a nante ‘e palle.


A vuje ve passa e a me vene ‘o sturzillo.

Veneno tutte quante a casa mia.

Che sango da culonna! E’ nu murzillo!

L’hanno pigliata pe na tratturia?


Chi cu ‘o bastone e chi cu nu sicario,

jescene ‘a sottoterra, ‘a int’’e pertusi.

E’ nu triato, s’add’aizà ‘o sipario,

sò muorti-vivi ma … sò disillusi.


Pecchè mò stanno ‘o munno ‘a verità,

e mò, hanno capito overamente.

Hanno perzo no ‘a vita, ma ‘a realtà,

chella ca ncuollo le cuseva ‘a gente.


Nun avite capito? E cumme faccio?

Cumme cacchio vo spiego stu mistero?

Comme ve pozzo dì chello ca saccio,

si vuoi penzate sulo ‘o cimitero?


Penzate ‘o munno, sulo nu mumento.

E quanno rico ‘o munno rico ‘a vita.

Ognuno ‘e nuje fa nu raggiunamento,

acconcia ‘e piezze pe jucà ‘a partita,


se crea na realtà, comm’isso ‘a vede,

no chella vera, ma cumme s‘a sente,

nun tene dubbi, è quase n’atto ‘e fede.

“Chesta cosa è accussì !” e nun se pente.

Capite mò pecchè quanno uno more,

e vede ‘e cose overo comme stanno

le scenne nu scunforte dint’’o core,

agliotta ‘o muorzo amaro , mò pe tanno?


Nemmeno è chiaro? E che chivebbivo!

E mò ve conto nu parustiello,

Stevo ‘a Germania, senza nu mutivo,

quanno ncuntraje ‘o signore d’’o cappiello.


Teneva na puteca a nu puntone,

cu coppole e cappielli ‘e ogni manera.

Tarchiato, ‘o poco e panza cu o mellone,

‘o stesso posto, autunno e primmavera.


Si chiure ll’uocchie, comme a na visione,

veco ‘o mercato, na panchina storta,

‘o sciummo sotto ‘a luce ‘e nu lampione,

e isso allerto, sotto all’arco ‘e porta.


Finanche addore, finanche addore sento.

N’addore denso, ‘e grasso, ca spirciava

‘o naso, ll’uocchio, eppure ero cuntento,

quanno ‘a sott’’a puteca salutava.


‘A chillu juorno tiempo n’è passato.

Forze ‘a puteca se l’hanno vennuta,

‘o lampione se sarrà stutato,

e l’acqua a dint’’o sciummo se ne asciuta.


L’addore, forze, tene n’atu addore,

chella panchina l’hanno adderezzata,

forze … nun ce sta cchiù manco ‘o signore,

e ‘a gente mò scarpesa n’ata strata.


Inte ‘e ricordi miei niente è cagnato,

e‘a verità qual’ è, ‘a vosta o ‘a mia?

‘o tiempo è ghiuto annanze o s’è fermato ?

Pe vuoie è Vangelo e io campo ‘e fantasia ?


Nun avite capite, v’assicuro.

‘A vita è n’ullusione, è na facciata,

na mano ‘ stucco stesa ncopp’’o muro,

ca cummoglia na senga o na spaccata.


‘A morta chesto fa: leva ‘a pittura.

Sulo pe ‘o muorto, ‘a morta fa accussì.

Pe chi rummano ‘a morta fa paura,

passa ‘a siconda mano e fa suffrì.



Pecchè penzate ‘o cuorpo nfracetato?

Pecchè ‘o chiurito ‘a chiave int’’o suppigno,

dint’’a nu scurdiamento ‘e pensionato?

V’è frate, sore,pate, no patrigno!


Penzate ca è partuto, ca ve penza,

e stu penziero ve darrà cunfuorto.

‘A morte, a fernutura, è na credenza.

Credite ‘a me ca faccio ‘o schiattamuorto!




139 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page