top of page

Anteprima Poetica - Maria Ida Sorrentino


Maria Ida Sorrentino - Nasce a Castellammare di Stabia, nel maggio del 1994.

Nostalgica per vocazione, la scrittura nella sua vita ha da sempre un ruolo primario e salvifico.

Conosciuta sul web con il nome di Come Proserpina, diffonde poesia per scappare da una vita a metà.


Crono


figlio di Urano e di Gea,

figlio del Cielo e della Terra,

ti prego,

donami la tua Essenza,

permettimi di godere appieno di te,

non tradirmi,

non farmi cadere nell’inganno di svegliarmi con capelli d’argento

e la rassegnazione che tutto

appartenga ad un tempo felice ormai lontano.

Ti prego,

o Crono,

mostrati per quello che sei,

rendimi partecipe della tua Vita ed io ti renderò partecipe della mia.

Banchettiamo insieme,

brindiamo alla tua forma presente.

Mostrami, oh Crono

tuo padre e tuo figlio,

mostrami come amarti, insegnami a possederti.

Sono la tua vittima, tu sei il mio carnefice.

A te il Mondo tutto è soggetto.



Senza rallentare


Cosa posso farci se mi perdo a procrastinare, temporeggiare,

immaginare possibili vite,

possibili scelte.

Ed è un rischio immaginare per vivere e vivere per immaginare.

E quanto è difficile trovare questa via, che tutti chiamano vita.

Io non so fare nulla,

il mondo è così grande, pieno di persone,

di talenti,

perché io sono qui?

Persa sul globo terracqueo a sperare di averci capito qualcosa.


E invece non ho capito, perché la vita mica spiega, mica si spiega,

al massimo si stira, si tira,

prende la mira e ammira questi cumuli di teneri errori.



Illusione


È l’illusione della felicità la traghettatrice della

vita,

sembra trainarci da una riva ad un’altra,

è un’abile illusionista,

credi di essere al suo fianco, sullo stesso gozzo,

ma lei è già lontana, a pescar nuovi fantasmi.

Tu sei sulla riva. Solo.

È tutto un trucco, la felicità.




1.357 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page