Cerca

Anteprima Poetica - Assunta Sperino


Assunta Sperino - Penso di aver amato le parole praticamente da sempre!

Non ricordo quando ho iniziato a scrivere, ma sono certa che la scrittura sia cambiata, si sia evoluta e mia abbia cambiata, mi abbia fatto crescere... Chi vuole conoscermi deve leggermi! Io stessa mi riscopro leggendo i miei versi.

Adoro il suono delle parole, il ritmo dei versi, le immagini che ne scaturiscono e la consapevolezza che siano uniche, uniche perché si fondono al mondo interiore del lettore.

Per anni ho tenuto tutto in un cassetto... A volte si ha paura di mostrarsi! Poi è arrivato il coraggio, o, forse, il bisogno di mettermi in gioco e, devo ammetterlo, questo gioco mi piace!



Alba

Si riempie

il vuoto notturno

d'un soave ricordo.

Sciabordio

del cielo

il nascere del giorno.

E tra un respiro e l'altro

il vivere s'allarga

mentre dal rosa

il mondo

si riveste di porpora.



Noi

Noi a virare

in questo cielo plumbeo.

Muto il mondo

a testa alta

curioso

spaventato dalle nostre ali.



Scrivo

Inaspettato

irrinunciabile

sussulto dell'anima.

Ciò che resta

del soffio Divino

nel mio corpo

ancora fangoso



Dio

Scende nella strada vuota

bagna le scarpe

nelle pozzanghere sporche

si siede

e aspetta compagnia.



La mietitura

Il mare

immensa fossa comune

gorgheggia e vomita

involucri senz'anima,

mostrando la mietitura

di una costante

egoista cieca semina.

Raccogliamo corpi

freddi e spenti

resti di una disumana umanità.

La morte è una sorpresa

cha non sorprende.

121 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti