Cerca

Anteprima poetica - Nicola Barbato


Nicola Barbato - Nato ad Aversa nel 1996, laureato in Lettere moderne, laureando in Filologia moderna. Della poesia mi piacciono le curve, gli enjambement e il disegno che ne deriva. La mia ossessione per la letteratura è da sempre innanzitutto materiale, l’odore della carta e lo sporco dell’inchiostro e simili amenità. Non apprezzo la verità ma il reale: scrivo perché i testi mi appaiono l’ultima sede di quel necessario problematismo. Abbiamo bisogno di versi che non si spieghino.




Giulia


Il punto è che vieni e destabilizzi,

anzi, il punto è che vieni, e basta.


Giulia,

è la rinuncia a tenerci assestati.

siamo una possibilità strozzata:

un aborto di gardenia

che sembra una primula.


L'equilibrio ti confonde,

viviamo da compromesso,

mordendoci quando il cosmo è sazio.

Siamo stelle

che appassiscono al contatto,


l’ostacolo è la nostra nebulosa.


Già sei approdata.

«Sei goffo a riva coi braccioli».

Sto rigirandomi i pollici,

non tocco terra per timore

di sporcarmi le zampe.


L’orizzonte è per chi sogna.


Giulia,

non riesco a leggere,

tra milioni di piroette,

la retorica della fiducia,

che balli,

immobilizzarti è necessario,

che stanchezza.

Orbitarti intorno,