tag.

Homo Scrivens

I libri sono la forma delle idee

Indice degli autori

 

PIETRO ABIGNENTE
è nato nel 1961 a Candelo, in provincia di Biella. Discendente della illustre famiglia Abignente, che annovera tra i suoi appartenenti insigni scrittori e personaggi storici, come Mariano Abignente, uno dei tredici cavalieri italiani partecipanti alla disfida di Barletta, attualmente vive a Verrone. Ha scritto due romanzi: La locanda del mistero, 2009 e Paura, 2010. L’odore della morte ha avuto diversi riconoscimenti in premi letterari per inediti, fra cui il primo posto al premio Gronchi di Pontedera.

 

VINCENZA ALFANO
scrittrice e insegnante, è nata e risiede a Napoli. Dirige le attività dell’Officina della scrittura Homo Scrivens, laboratorio di scrittura creativa, e si occupa di scouting letterario. Ha vinto numerosi concorsi letterari e ha partecipato a numerosi progetti di scrittura collettiva, fra cui l’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012). I suoi precedenti romanzi, Via da lì (Boopen LED 2010) e Fiction (Photocity Edizioni 2011), hanno avuto ampio riscontro di pubblico e critica.

 

ROBERTA ANDOLFO
(Napoli 1986). Diplomata in Pittura all’Accademia di Belle Arti e specializzata in Storia dell’Arte. Oltre all’attività di pittrice e critica d’arte indipendente, scrive per www.ilpickwick.it e per Contemporart. Dal 2014 è vicepresidente dell’associazione culturale Pont Aven; è fra gli autori dell’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens, 2012).

 

ANDREA ANGIOLINO
Roma 1966, è giornalista e inventore di giochi, che ha ideato per radio e TV, riviste, pubblicità e internet. Ha creato molti giochi da tavolo, tradotti in quindici lingue e premiati sia in Italia che all’estero, tra cui la serie Wings of War (con Pier Giorgio Paglia, oggi edita da Ares Games come Wings of Glory). Nel 1999 è stato nominato “Esperto inventore di giochi” dal Ministero della Pubblica Istruzione. Ha ricevuto il premio Best of Show alla carriera al Lucca Games 2004 e il premio Personalità Ludica dell’Anno 2007.
Ha scritto una trentina di libri, tra questi il monumentale Dizionario dei Giochi (con Beniamino Sidoti; Zanichelli, 2010). Ha ideato per l’opera a fascicoli Warhammer (Hobby & Work 1996) l’enciclopedia di un mondo fantasy, descritto come se esistesse davvero.

 

CLAUDIO ANSANELLI
è nato a Roma nel 1963. A diciotto anni con la sua valigia di cartone, zeppa di abbacchi, coratella con i carciofi e maritozzi con la panna, è dovuto emigrare come tanti verso una delle capitali europee della cultura. Ha scelto Napoli dove si è laureato in Agraria e dove poi, offrendo la città un’ampia gamma di possibilità di impiego, ha deciso di lavorare. Oggi è dirigente in una pubblica amministrazione.

 

FLORIA APREA
è nata a Milano. Nel 1988, a Roma, ha iniziato la sua carriera nel campo della produzione televisiva e teatrale per poi passare al cinema, producendo in ultimo il cortometraggio Guinea Pig, che ha ottenuto riconoscimenti nazionali e internazionali compreso un Globo d’oro per l’interpretazione a Fiona May. Ha collaborato alla stesura di soggetti, trattamenti e sceneggiature sia per la televisione che per il cinema, fino a scrivere personalmente alcuni lavori, come l’intero progetto della serie tv Angeli nella notte e la sceneggiatura del lungometraggio Petali bruciati, una crime story che tratta del traffico di prostituzione minorile dall’est Europa all’Italia.

 

FEDERICA ARFÉ
viene alla luce nel 1982, dall’unione di Salvalimone Arfè e Anna Lime Mac Falcus. Ardimentosa ragazza napoletana e inguaribile idealista, nel 2012 si è laureata in scienze storiche. Con la sua amica penna ha collaborato con «Il Roma» e il portale di informazione «Il Mondo di Suk».
Nel 2012, spinta dal desiderio di raccontare, scivola sulla buccia di Doroteo il limone senza neo, sua prima fatica letteraria, nata dall’incontro con l’universo dei limoni, favolosi protagonisti di una storia profondamente umana, in tutto il suo succo.

 

GIOVANNI ATTADEMO
Napoletano, sociologo ed esperto di programmazione, progettazione e gestione d’interventi nell’ambito delle politiche sociali e socio-sanitarie.
Ha lavorato a lungo nella pubblica amministrazione: per il Comune di Napoli dal 1998 al 2012 ha rivestito il ruolo di coordinatore e dirigente nell’area degli interventi a sostegno delle fasce deboli, e della famiglia, dell’infanzia e dell’adolescenza.
Dal 2013 insegna Politiche Sociali al Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università di Napoli Federico II.
Ha all’attivo numerose esperienze di ricerca, articoli e studi di settore.

 

ESTHER BASILE
vive a Napoli, è filosofa e collaboratrice dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici. Giornalista, è ideatrice del Festival di Letteratura e Saggistica a Narni “Alchimie e linguaggi di donne” e del progetto “La Tela del Mediterraneo” sulla cultura e i diritti delle donne nell’area del Mediterraneo. È presidente dell’Associazione culturale Eleonora Pimentel, e Pass President della Consulta Regionale Femminile per le Pari Opportunità. Ha ideato con Lucia Daga e Maria Stella Rossi il Premio L’Iguana presso il Castello di Prata Sannita. Ha pubblicato le raccolte liriche Stalattiti e Fragore di un Sogno.

 

FABIO BRESCIA
napoletano, è attore, conduttore radiotelevisivo di fama nazionale, scrittore. Con il romanzo Tienimi per mano (Luciano Editore) ha vinto il Premio Rea.
Ha pubblicato i volumi Da adesso in poi e Il sole e l’innamorato (Edizioni del Delfino). Conduce una famosa trasmissione radiofonica di scherzi telefonici, fa cabaret e intrattenimento ma ritiene la scrittura un bisogno primario. Scrive e dirige quasi tutti gli spettacoli che porta in scena e gli piace spaziare tra testi comici e impegnati poiché, come sostiene, «solo in Italia è uno scandalo saper fare più cose contemporaneamente. L’arte a compartimenti stagni appartiene solo a noi. In America se non sai ballare, cantare, recitare, intrattenere, presentare, scrivere, lo show business non ti considera nemmeno. In Italia, invece, ti chiedono quand’è che deciderai la tua strada».

 

GABRIELLA CALENDA
insegnante per scelta, in pensione per necessità, con velleità di cuoca gourmet. Non ha mai pubblicato nulla, ma ha letto l’inverosimile. Questo romanzo è scritto con l’amico Alessandro, così che se va male la colpa non è sua, se va bene è suo il merito; avrebbe esclamato Totò: «con questo ho detto tutto!»

 

MARIAGIOVANNA CAPONE
giornalista professionista, scrive sul settimanale Oggi e sul quotidiano Il Mattino.

 

CLAUDIO CALVERI
è scrittore e cultural planner. Vincitore del Premio Troisi per la scrittura umoristica e di altri premi letterari, ha pubblicato per Comix e altri editori libri di narrativa e saggistica, in italiano e in inglese.
Ha curato il progetto editoriale Le città visibili, con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana UNESCO e di tutte le Città della Letteratura UNESCO del mondo. Dal 2012 è promotore della candidatura di Napoli a Città della Letteratura UNESCO ed è co-fondatore di Creactivitas, il primo laboratorio di economia creativa in Italia.

 

GIOVANNI CALVINO
è nato a Napoli, dove vive e svolge la professione di architetto. Per le edizioni L’isola dei ragazzi ha pubblicato i romanzi Il marchese di Collino e L’isola del grano blu. Ha redatto la sceneggiatura del docufilm Enrico Caruso: his life, his music, his city, trasmesso dalla rete PBS nelle più importanti città degli Stati Uniti. Ha scritto numerose sceneggiature per cortometraggi di animazione e spot pubblicitari di cui ha curato anche la regia.

 

MARIA ROSARIA CULTRERA
è nata e vive a Napoli. Magistrato con la passione per la scrittura, ha pubblicato il romanzo Sotto la pioggia di Torino, Vertigo Edizioni, ottenendo numerosi riconoscimenti fra cui il Premio Franz Kafka, Premio Speciale della Giuria 2013.

 

VINCENZO CAPASSO
nasce il 17 settembre 1894 ad Agerola, (NA). Nel 1912 si arruola nella Marina Militare dove rimane in servizio fino al momento della pensione, nel 1954. Nei suoi quarantadue anni di servizio, prevalentemente passati sul mare, oltre alle due guerre mondiali, partecipa a tutte le campagne militari in cui è stata coinvolta l’Italia.

 

CARBONERIA LETTERARIA
è un laboratorio culturale attivo dal 2003 che conta autori singoli e multipli e ha al suo attivo diverse opere collettive, tra cui l’antologia Primo incontro (Cento Autori, 2007), Frittology. Friggiti il cervello e riscopri un contatto positivo con la realtà (Perrone LAB, 2009), Uomini a pezzi (Eclissi, 2010). Altre opere ad alto tasso carbonaro sono inoltre Onda d’abisso (L’Orecchio di Van Gogh, 2010), Marchenoir (Italic Pequod, 2012), Canti d’abisso (Origami, 2014) e L’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens, 2012).

 

SIMONA CAROSELLA
è una giovane scrittrice e cantautrice napoletana. Studentessa di lingue, divide i suoi interessi tra l’arte e le sue gattine. Ha partecipato al volume Dei trenta e più modi di perdere l’ombrello (Homo Scrivens 2014).

 

DOMENICO CARRARA
è nato nel 1987 ad Atripalda, ma vive a Grottaminarda (Avellino). Ha pubblicato la raccolta di poesie A riprendere le stelle (Il Filo , 2009) e quella di racconti Binario 8 (Photocity edizioni, 2012). Ha curato il laboratorio artistico Ma chi sono questi? insieme a Lucia Schettino. Alcuni suoi testi sono comparsi nel catalogo foto-poetico Pietre vive vol. 3 (Delta 3, 2013) e nell’antologia I poeti irpini della società liquida (Delta 3, 2014).

 

PAQUITO CATANZARO
nato a Torre del Greco, è un attore che ama scrivere nei giorni dispari, diventando uno scrittore che ama recitare in quelli pari. È autore del volume Quattrotretre e tra gli autori di: Dei trenta e più modi di perdere l’ombrello, Nanoracconti, Serial Novel e Faximile. 101 riscritture di opere letterarie (tutti editi da Homo Scrivens).
Ha lavorato in tv come anchorman ed è stato speaker di diversi programmi radiofonici. È tra i fondatori dell’associazione culturale Parole Alate con la quale ha teatralizzato otto romanzi di Homo Scrivens.
Aveva pronta una frase a effetto per concludere questa nota biografica, ma l’ha dimenticata e spera gli torni in mente in occasione di un nuovo lavoro editoriale.

 

ROSALIA CATAPANO
è nata a Napoli, dove vive. La sua attività di narratrice ha inizio con la scrittura di racconti, pubblicati in antologie, riviste letterarie e quotidiani.
Della sua raccolta di racconti Direzioni immaginarie (Boopen Led 2011) è stato tratto uno spettacolo teatrale messo in scena dalla compagnia Imprenditori di sogni. Ha collaborato alla compilazione dell’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012).
Tutto andrà nel migliore dei modi è il prequel ideale di Solo Nina, il suo primo romanzo, pubblicato per Homo Scrivens nel 2012, che ha ricevuto numerosi consensi da lettori e critici ed è stato più volte ristampato.

 

LUCIA STEFANELLI CERVELLI
già docente di Lettere e filosofia, è regista, attrice, sociologa della comunicazione scenica. Cura saggi di critica letteraria e teatrale e ha scritto e rappresentato numerosi testi teatrali e fiabe in forma scenica. Ha fondato nel ‘90, col regista Gianni Spataro, l’Ass. di Cultura Teatrale “L’Ascolto”. È autrice di varie raccolte di liriche e de L’occhio strabico. Racconti brevi e monologanti per intellettuali a riposo (Photocity Edizioni).

 

GIANMARCO CESARIO
Critico teatrale e giornalista, dal 2006 dirige la rivista on line Teatro.org, la più letta in Italia nel settore. È docente di Storia del teatro e Storia della drammaturgia presso Accademie Teatrali. Nel 2005 è ideatore della rassegna “La corte della formica”, di cui è tuttora Direttore Artistico. Dal 2012 collabora con il Positano Teatro Festival – Premio Annibale Ruccello e con il Teatro Piccolo Bellini. È membro della Associazione Nazionale Critici di Teatro.

 

SALVATORE CICENIA
è storico della scienza, autore di oltre cento saggi pubblicati su riviste scientifiche come Physis, Nuncius, Epistemologia. Ha scritto Questioni di epistemologia didattica (Armando, Roma, 2012) e, con A. Drago, Teoria delle parallele secondo Lobacevskij (1996). Ha fatto parte del “Gruppo di Storia della fisica” del CNR, presso l’Università Federico II di Napoli, dirige la Rivista di epistemologia didattica, che ha fondato nel 2006, e collabora con Il Mattino. Da alcuni anni ha allargato il suo impegno alla letteratura, pubblicando Prometeo. Poesie sull’ignoto (Guida, Napoli, 2005) e Lettera a mio figlio sulla scuola (Guida, Napoli, 2010).

 

FRANCESCO CINQUE
è uno scrittore napoletano che, pur non approvando alcuni aspetti della sua città, è ipnotizzato dai vicoli, dalla schietta umanità dei quartieri spagnoli, dalla vitalità delle viuzze intorno a San Gregorio Armeno o a Spaccanapoli. Disegnatore per fumetti, ha autopubblicato il romanzo Napulammore e vinto il Premio Boopen per la narrativa 2011 con il racconto Il cadavere sul letto.

 

CARLA CONTI
napoletana, è docente al conservatorio S. Cecilia di Roma. Ha scritto monografie e saggi di argomenti musicali. Ama le vacanze nei fari, i gatti e il silenzio. Si nutre “gluten free”.

 

FLORIANA COPPOLA
vive a Napoli, dove insegna materie letterarie negli istituti statali superiori. Scrittrice, poeta e collagista, è autrice di racconti, romanzi e sillogi poetiche incentrate soprattutto sull’emersione dei problemi e dei linguaggi femminili.
Dopo la pubblicazione del romanzo Donna Creola e gli angeli del cortile (Guida) e della silloge poetica Il trono dei Mirti (Edizioni Melagrana Onlus), nel 2009 riceve il premio giornalistico e letterario “Marzani” organizzato dall’Associazione Campania Europa Mediterraneo. Nel 2010 pubblica la raccolta poetica Sono nata donna (Boopen Led).
Nel 2011 cura, insieme a Ketti Martino, l’antologia poetica La poesia è una città (Boopen Led), e i due quaderni antologici di poesia Alchimie e linguaggi di donne (Boopen Led/Photocity Edizioni).

 

FRANCESCO COSSU
è ricercatore di Diritto Commerciale presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università Telematica Pegaso e docente di Diritto dell’Economia presso la medesima Università. È dottore commercialista e revisore legale in Napoli e Firenze. Collabora con riviste specializzate e primarie case editrici ed è autore di numerose pubblicazioni scientifiche e di natura professionale. Giornalista pubblicista.

 

PIETRO DAMIANO
è nato a Carbonara di Nola (NA) nel 1968. Il suo primo amore è la Storia locale, l’ultimo è la narrativa. Ha partecipato a numerose antologie letterarie, fa parte del collettivo letterario Gruppo9, con il quale ha pubblicato il romanzo Hyde School (Homo Scrivens 2015).

 

GIANMARCO DE CHIARA
è nato a Napoli nel 1989. Laureato in letteratura inglese con una tesi sul rapporto tra Tolkien e Medioevo, oltre ad aver seguito e tenuto corsi di disegno e di fumetto, ha sperimentato altri linguaggi come la pittura, la grafica e l’illustrazione. A questi interessi ha sempre affiancato la passione per la scrittura, per la cinematografia e per la musica. Ha frequentato la scuola di Cinema Pigrecoemme e ha realizzato in proprio, tra il 2005 e il 2013, sette cortometraggi e due lungometraggi come sceneggiatore e regista. Nel 2008 ha fondato la rivista Malefico e alla fine del 2010 la rivista Fumè.

 

MARIA SIMONETTA DE MARINIS
svolge attività culturale, didattica e scientifica nel campo della docenza superiore della Storia dell’arte e in quello del restauro dipinti in collaborazione con la Soprintendenza per i beni artistici e storici di Napoli. Fra le sue pubblicazioni in tema storico-artistico: tre saggi critici su Saverio Gatto, Francesco Cangiullo e Gennaro Villani (1986), una biografia su Vincenzo Gemito (catalogo della mostra Spoleto 1989), l’opera monografica Gemito (1993).

 

GIUSEPPINA DELL'ARIA
è nata ad Avellino ma vive a Napoli. Ha partecipato ai volumi Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2013), La vera bellezza (Boopen led 2010) e Serial Novel (Homo Scrivens 2014). Fra i diversi riconoscimenti, il premio nazionale di letteratura e teatro Nicola Martucci – Città di Valenzano 2010. Da alcuni anni è impegnata anche nella scrittura teatrale, scrivendo per il progetto “Teatro di luoghi”, atto alla valorizzazione di siti storici di Napoli.

 

LUCA DELGADO
è nato a Napoli nel 1979. Insegna lingua e letteratura inglese alle superiori e italiano per stranieri. È adattatore e traduttore teatrale e ha collaborato, tra gli altri, con i registi Peter Sellars, Luca De Fusco e Alfredo Arias. Già da qualche anno è il traduttore italiano del drammaturgo e regista britannico Peter Brook. Si occupa di regia teatrale e ha curato la regia di spot pubblicitari e cortometraggi. Ha pubblicato per Homo Scrivens il romanzo La Terra è blu come un’arancia (2013).

 

GIOVANNI DE LISO
è nato a Napoli nel 1977. Laureato in Scienze Politiche, non si reputa né uno scienziato né tantomeno un politico. Lavora per una multinazionale ma ha una responsabilità nazionale, adora la musica ma non sa suonare. Recensisce e traduce tutto quel che può; ha pubblicato per Arcana Genesis – Once Upon A Time (2009). Durante un esilio forzato in Australia, in un attacco di nostalgia, ha scritto il suo primo romanzo: questo. Se temete il bis, potete stare tranquilli: non intende andare più a vivere all’estero.

 

ORETTA DE MARIANIS
è nata a Napoli dove vive e lavora. Ha esordito giovanissima con il testo di poesia Acquario (Forum/Quinta Generazione, 1979); in seguito ha pubblicato Excalibur (Edizioni Del Giano, collana diretta da Dario Bellezza), recensito da Michele Prisco sul Mattino. Si interessa inoltre di Esoterismo e di Parapsicologia, ma la scrittura è il suo interesse primario.

 

LUCA DE PASQUALE
scrittore e musicologo, ha esordito con la raccolta di racconti Tu non sai chi è Frank Ressel (Atì Editore, 2004), e ha partecipato ai volumi Napoli per le strade (Azimut, 2009) e Se mi lasci non male (Kairós 2010). Dal 2009 gestisce il blog letterario “Fumo, inchiostro e basso” e dal 2015 il sito web specializzato in basso elettrico e hard rock “Bass, My Fever” con la giornalista Manuela Avino.

 

SILVANA DE ROBERETIS
è nata e vissuta sempre a Napoli dove ha conseguito la laurea in lingue e letterature straniere. Per quarant’anni ha insegnato con impegno e amore cercando sempre di comprendere i problemi giovanili e di aiutare gli allievi a crescere nel rispetto delle loro diversità. È stata anche stata fiduciaria dell’Istituto Professionale “Giustino Fortunato”. Attualmente in pensione continua la sua docenza all’Humaniter, nel volontariato.

 

VINCENZA D’ESCULAPIO
classe 1948, vive a Napoli dov’è nata. Docente di Filosofia e Storia, ha un’esperienza ventennale di autrice di antologie scolastiche e trasmissioni televisive per ragazzi. Dal suo particolare interesse per le tematiche dell’Educazione alla Legalità è nata una costante collaborazione con l’associazione Libera. Attualmente si dedica ai nipotini, ma ha lasciato ancora la porta aperta alla sua passione: scrivere.

 

ALBERTO DE VICO
è nato a Sant’Angelo dei Lombardi (Av), vive da sempre a Napoli dove ha insegnato prima Letteratura italiana e latina e successivamente è stato Preside dei Licei classici “Antonio Genovesi” e “Umberto I”.
Ha collaborato a quotidiani quali: Il Mattino, Avanti, Roma, Corriere della Sera, Il Denaro, per il quale ha curato due Rubriche su “Personaggi celebri” e “Poeti italiani del ’900”. Fra le sue opere: Rosa Rosae, Esercitazioni latine, Miti e storie dell’Ellade, Moduli letterari, Il Latino in tasca, L’Italiano sotto esame, Dante: l’uomo, la bestia, la virtù.

 

DIEGO DI DIO
è nato nel 1985. Laureato in Giurisprudenza con una tesi su “Il mercato dell’editoria”, si divide tra due passioni, quella per la scrittura e quella editoriale.
Sul primo versante, ha pubblicato numerosi racconti, soprattutto thriller/noir. Si è aggiudicato i premi Mario Casacci 2011 con il racconto La signora, il premio Writers Magazine Italia 2013 con C’è ancora tempo e il Nero Premio con Il Coltellaio.
È apparso due volte in appendice al Giallo Mondadori, con i due racconti neri I dodici apostoli (2012) e Il canto dei gabbiani (2014).
Ha pubblicato l’antologia di racconti È tempo sprecato uccidere i morti (Dunwich Edizioni) e il thriller sovrannaturale Condannati a morte (Milano Nera).
Sul secondo versante, collabora da qualche anno come correttore di bozze ed editor per case editrici, agenzie letterarie e committenti privati.
Gestisce un blog personale all’indirizzo: www.dieguitodidio.blogspot.it

 

GIOACCHINO ROBERTO DI MAIO
(Vico Equense, Napoli, 1985) giornalista pubblicista, ha collaborato come corrispondente con la redazione sportiva del “Mattino” e con l’agenzia di stampa “Mediapress2001”. Da sempre appassionato di sport e scrittura, ha pubblicato L’economia del calcio. Una prospettiva comparata Italia-Inghilterra e The Hornet effect.

 

RAFFAELE FORMISANO
è nato a Castellammare di Stabia (NA) nel 1974 ed è Ingegnere Gestionale ad Atripalda (AV). Più volte premiato per la sua narrativa fantascientifica, ha partecipato a numerose antologie. Fa parte del collettivo letterario Gruppo 9.

 

NICOLETTA IACAPRARO
vive e lavora a Napoli. Dal 2010 frequenta la compagnia di scrittura Homo Scrivens, con cui ha partecipato alle antologie Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (2012), Storie di ordinaria resistenza e Dei trenta e più modi di perdere l'ombrello (2014), Serial Novel stagione II e Infinito presente nel 2015. Ha scritto racconti per Il Roma.

 

PINO IMPERATORE
(Milano, 1961) è autore di varie opere comiche e umoristiche, fra cui i romanzi Benvenuti in casa Esposito, Bentornati in casa Esposito e Questa scuola non è un albergo, editi da Giunti. Da Benvenuti in casa Esposito è stata tratta una commedia teatrale di grande successo, scritta da Imperatore con Alessandro Siani e Paolo Caiazzo.
Nel 2017 il suo nuovo romanzo Allah, San Gennaro e i tre kamikaze, edito da Mondadori.

 

STEFANIA DI IORIO
è nata a Napoli, dove vive e lavora come architetto. Con Homo Scrivens ha partecipato ai volumi Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (2012) e Dei trenta e più modi di perdere l’ombrello (2014) oltre a numerosi eventi e attività di presentazione. È fra le autrici della raccolta di racconti brevi Napoli in cento parole (2014), edita da Giulio Perrone. Un suo testo, 19 settembre 2011, è stato messo in scena dalla compagnia teatrale Parole Alate.

 

FRANCESCO DI LORENZO
nato a Napoli, vive e insegna a Udine. Ha pubblicato vari testi scolastici, racconti e collabora con la rivista online Fuoriregistro (www.didaweb.net). È autore di Ministri – Pubblica Istruzione – 150 anni di scuola italiana (Bologna, 2012).

 

VITTORIO DI RUOCCO
(Pontecagnano Faiano, 1965) è Direttore del Servizio Territoriale Provinciale di Salerno dell’ARPAC (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Campania). Ha pubblicato varie raccolte di poesie (Le mie mani sul cielo, Il calamaio, 1996; I colori del cuore, Pandemos, 2003; Il nulla e l’infinito, Graus, 2007) e racconti che hanno ottenuto premi e apprezzamenti in molteplici concorsi letterari nazionali. L’albero dei miracoli è il suo romanzo d’esordio.

 

LUCA DRESDA
ha quarantasette anni, vive a Roma e lavora come traduttore e adattatore per il doppiaggio. È stato attore di teatro, fiction e pubblicità, doppiatore e speaker, collaboratore ai testi e casting per la tv, ha scritto e tradotto libri, sceneggiature, sit-com e format tv, e ha lavorato nell’organizzazione di eventi. Ha pubblicato due romanzi, Dateci del lei (Cadmo 2005) e Residence (Photocity 2011).

 

ALESSANDRO FERRARA
pediatra per necessità, barzellettiere per scelta, con velleità recitative. Ha pubblicato racconti umoristici in varie antologie. Questo romanzo è in collaborazione con l’amica Gabriella, così che se va male la colpa non è sua, se va bene è suo il merito; avrebbe esclamato Totò: «e chiamalo fesso!»

 

SALVIO FIORE
è nato nel 1965 a Napoli, dove vive e lavora come psicomotricista. Per molti anni si è diviso tra due passioni: l’insegnamento dello sport e la scrittura, finendo poi per dedicarsi solo alla seconda. Ha pubblicato vari romanzi (NYD47W, Guida 2009; Scendere dentro, Loffredo 2013; I pensieri di Nestore, in formato e-book, Narcissus 2014). Che l’amore resti un segreto fa parte di una quadrilogia incentrata sulla storia della famiglia Poenia.

 

MONICA FLORIO
nata a Napoli nel 1969, è Press Office/Communication & PR Manager. Giornalista pubblicista, scrive di disagio giovanile e di realtà discriminate (disadattamento, handicap, omosessualità).
Ha pubblicato il saggio Il guappo – nella storia, nell’arte, nel costume (Kairòs Edizioni, 2004), la raccolta di racconti Il canto stonato della Sirena (Ilmondodisuk Libri, 2012) e il romanzo di narrativa scolastica La rivincita di Tommy. Una storia di bullismo omofobico (La Medusa Editrice, 2014).
Collabora con la rivista L’Isola e il portale www.literary.it.

 

MIRANDA GALATI
architetto, pittrice e danzatrice. La danza è la sua anima, la pittura il suo cuore, scrive per non implodere. Collabora dal 2011 alle riviste d’Arte Nova e Flussi Potenziali fondate da Antonio Limoncelli. Ha partecipato a una raccolta di autori vari dal titolo: Caos & Amore, a cura di Antonio Limoncelli.

 

FERDINANDO GAETA
scrive racconti, sceneggiature, articoli scientifici e si interessa di meditazione e mindfulness per Operatori Sanitari (www.sanitariconsapevoli.com). Nel tempo libero, cerca di trovare il lato comico della vita ma, sempre più spesso, è la vita a trovare il lato comico in lui. Vive e lavora a Napoli.

 

FRANCESCA GARELLO
nata a Venezia, vive a Roma, dove lavora come archivista storica. È autrice di racconti fantastici, premiati in diversi concorsi nazionali, e giochi. Appartiene al collettivo della Carboneria Letteraria, e ha partecipato all’Enciclopedia degli scrittori inesistenti (Homo Scrivens, 2012). In campo ludico ha scritto moduli per giochi di ruolo fantastorici, libri-game, giochi didattici e il sourcebook fantahorror di ispirazione lovecraftiana Project Octopia (Wildboar Edizioni, 2011). Cura la rubrica su libri e gioco per la rivista Il Furore dei libri.

 

FRANCESCA GERLA
è nata nel 1976 a Napoli, dove ha deciso di tornare dopo anni di peregrinazione. Redattrice e traduttrice, ha lavorato con case editrici come Rizzoli, Bollati Boringhieri, L’ancora del Mediterraneo. Dal 2012 dirige la redazione della casa editrice Homo Scrivens.
Ha pubblicato il romanzo L’isola di Pietra (Homo Scrivens, 2012), che ha ricevuto diversi riconoscimenti letterari ed è stata finalista al Premio Nabokov 2013 e al Premio Megaris 2014.

 

GINO GIACULLI
è nato a Napoli nel 1960. Laureato in Lettere Moderne all’Università Federico II nel 1985, dal 1983 svolge la professione di giornalista. Dal 1987 al 2007 ha seguito quasi ininterrottamente la politica napoletana e nazionale nella Cronaca del Mattino di Napoli. Più volte inviato all’estero e su vicende italiane, nel 1996 è stato inviato del Mattino a Sarajevo per seguire il dopo guerra e la ricostruzione della Bosnia Erzegovina. Ha lavorato in diverse redazioni del quotidiano napoletano, attualmente lavora all’ufficio centrale del Mattino. Ha collaborato con diversi quotidiani, radio e tv.
Nel 2012 ha partecipato alla scrittura collettiva dell’Enciclopedia degli scrittori inesistenti (Homo Scrivens, a cura di G. Marino e A. Putignano). Il mestiere di carta è il suo primo romanzo.

 

ANTONIO GIUSSO
è esperto di Diritto con specializzazione in Common Law. Autore teatrale (fra le sue opere Napoli senza tempo, con Miranda Martino) e appassionato di cultura napoletana, ha scritto saggi sulla Serao e d’Annunzio e ha collaborato con i principali quotidiani italiani.

 

GIANPASQUALE GRECO
è nato a Napoli nel 1987. È laureato in Storia dell’Arte e prosegue i suoi studi presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Napoli “Federico II”. Ha esordito nel 2010 con la silloge Trasfusioni di Sangue (Guida). Nel 2011 è stato finalista al Premio “Subway Letteratura” (narrativa inedita); nel 2012 ha vinto il premio letterario internazionale “Emily Dickinson” per la poesia edita e nel 2013 il premio “Napoli Cultural Classic” per la poesia inedita. Al momento collabora con diverse istituzioni culturali e riviste.

 

GAETANO GRAVINA
Napoletano, classe 1950, partecipa ai movimenti artistici degli anni ’70 e negli stessi anni aderisce, con opere e scritti, al “NO” Nuovo Operativo, rivista fondata da Luca (Luigi Castellano). Negli anni ’80 è direttore editoriale della rivista mensile sperimentale uè - fumetti, immagini e attualità, che pur nella breve parabola è subito un cult tra i giovani. Art director, negli anni ’90 fonda la Union Graphics, una agenzia diventata famosa per aver dato una nuova impronta alla comunicazione visiva nel campo istituzionale. Ha firmato famose campagne e immagini coordinate: Fiera Fumetto; Futuro Remoto; Programma Urban del Comune di Napoli; PackAge/Conai; Settimana della Cultura Scientifica; Città Sostenibili; Fondazione Idis.
È autore del logo e dell’immagine coordinata di Città della Scienza di Napoli nonché della simbologia tematica degli Exibit e dell’Officina dei Piccoli dell’omonimo museo.
Purtroppo è andato tutto distrutto nell’incendio, doloso e criminale, del 4 marzo 2013.

 


GIOVANNA GRAVINA
è nata a Napoli nel 1978. Nel 2003 si è laureata in Lettere Moderne con una tesi in Storia del Cinema. Coautrice del saggio Riflessi cinematografici della Grande guerra sulla stampa napoletana (2000) in P. Iaccio, (a cura di), Napoli e il cinema (1896 – 2000), ESI. Grande appassionata e studiosa di cinema, ha creato, insieme alla collega Margherita Baldi, e gestito per anni, il sito Cineapolis (www.cineapolis.altervista.org) sul cinema napoletano.

 

BARBARA GOTI
è nata a Livorno nel 1962. Ha lavorato in radio come copy writer e speaker, scrivendo spot pubblicitari e testi per alcuni cantanti emergenti.
Ha ottenuto grande successo con i romanzi noir La colpa di vivere (Boopen LED 2010) e Rosso – Il marchio del male (Photocity Edizioni 2011).
È fra le autrici dell’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012, a cura di G. Marino e A. Putignano).

 

GRUPPO 9
è una creatura nata in laboratorio, il laboratorio di scrittura pompeiano di Homo Scrivens. Il collettivo letterario ha esordito nel 2011 con 8 gocce di veleno (Photocity Edizioni) e ha conosciuto il successo con Sono stato io (Homo Scrivens 2013). Il suo terzo romanzo, Party per non tornare (Homo Scrivens 2014), ha ottenuto il Premio Speciale Carver 2014.

 

GABRIELE IACONIS
è nato a Napoli nel 1985. È laureato al corso magistrale di Organizzazione e gestione del patrimonio culturale e ambientale presso la Federico II di Napoli con una tesi sulle tecnologie digitali e sull’organizzazione dell’industria editoriale. Ha esordito con il romanzo Un motivo in più per guardare il cielo (Boopen LED 2010), partecipato ai romanzi collettivi La vera bellezza (Boopen 2010) e Codice Clochard (Photocity Edizioni 2011), e pubblicato racconti in varie antologie.

 

VINCENZO IBELLO
è nato a Napoli nel 1955. Come tutti i sognatori, è un tipo con i piedi ben piantati sulle nuvole. Dice che questa è un’ottima posizione: rinfranca lo spirito e ossigena la mente. È quello che in genere si definirebbe “una brava persona”. Per i suoi figli è il papà migliore del mondo, per la moglie il miglior marito che una donna possa desiderare, per i fratelli migliore di Abele. Tutto questo non gli fa piacere, perché poi sono sempre i migliori che se ne vanno!
Alla soglia dei sessant’anni, si ricorda cosa voleva fare da grande e comincia a scrivere.

 

ELÈNA ITALIANO
è nata a Caserta in una notte del 1984, poco prima di Natale. A dodici anni ha vinto un concorso letterario indetto dall'arma dei carabinieri ricevendo come premio un vocabolario dei sinonimi che consulta ancora oggi. Oltre a scrivere per la “Gazzetta di Caserta”, lavora come istruttore presso la pubblica amministrazione. Dopo numerose pubblicazioni in antologie con diverse case editrici – rigorosamente non a pagamento – ha completato la sua prima raccolta di racconti. Questa!

 

ADRIANA LA VOLPE
è nata a Napoli nel 1957. Si è dedicata per molti anni alla ricerca fondamentale nelle Scienze della Vita soggiornando in Gran Bretagna a Edimburgo tra il 1980 e il 1982 e poi a Cambridge nel 1987-88. Ha pubblicato il volume di poesie Tre con prefazioni di Esther Basile e Floriana Coppola (Photocity Edizioni 2012). È stata membro della giuria del Concorso Letterario L’Iguana di Prata Sannita 2014 e 2015 per le sezioni di poesia edita e inedita.

 

ANNA MARIA LIBERATORE
giornalista, ha collaborato per Il giornale di Napoli, Il Roma, Il Denaro, e ha partecipato a varie puntate di Caro palinsesto nell’ambito di Notte cultura per Rai 1 e Rai 3. Nel 1999 gli è stato conferito il Premio Il Prione e nel 2003 il Premio speciale Sebetia Ter per la Cultura. Ha pubblicato con Maria Orsini Natale e Gioconda Marinelli la silloge Canto a tre voci (Avagliano), in seguito ha pubblicato i volumi Le malamate (Mario Guida), Insalavitudine (Graus) e, con G. Marinelli, Sono nata un giorno a primavera (Photocity edizioni).

 

MENA LEONETTI
nata nel 1930 a Pedace, un paesino nella provincia di Cosenza, è stata la prima donna medico della Calabria. Da oltre cinquanta anni svolge la sua attività professionale a Napoli nella medicina di base e nella pediatria.
Da sempre la lettura accompagna le sue intense giornate; da qualche anno, la scrittura è lo strumento per ricordare ed elaborare le mille storie lette e le mille storie vissute in prima persona, attraverso trame nelle quali la realtà si stempera nella fantasia. O forse il contrario.
È autrice di molti racconti raccolti in volumi, come Una testa di ricambio e altri racconti (Aracne Editrice), e la collettiva Doppia Traccia (a cura di Antonio Sinisgallo, Fondazione Humaniter).

 

GIULIANA LOPERTO
ballerina e coreografa, ha collaborato con Diego Sanchez, Corrado Taranto, Rosario Ferro, Arnolfo Petri. Insegna danza classica, modern jazz e hip hop in varie scuole partenopee e nel 2011 ha fondato il Centro Danza Psikè di cui è direttrice e docente.

 

PATRIZIA LOPEZ
è una cantautrice californiana approdata in Italia spinta dal vento del suo destino. Invitata a Napoli per dare un concerto, si innamora della città e mette radici. Col tempo diventa una straordinaria interprete della canzone napoletana, chiamata a cantarla per il cinema da John Turturro e da Antonio Capuano, e il suo cd Solatia riceve l’onore di essere inserito dalla Rai nell’Archivio Sonoro della Canzone Napoletana. Questo suo primo libro racchiude tre altri aspetti della sua vita artistica: la prosa, la poesia e il disegno.

 

ANGELO MANNA
(Acerra, Napoli, 1935 – Napoli 2001), scrittore, poeta e giornalista, politicamente impegnato e con particolare attenzione verso i problemi storici e sociali del Mezzogiorno d’Italia. Fondatore del “Fronte del Sud”, raggiunse la massima popolarità con la trasmissione televisiva autogestita “Il Tormentone” in cui denunciava, con assoluta chiarezza, gli imbrogli della politica e i soprusi ai danni del Meridione, un’attività che gli valse anche un’elezione in Parlamento con oltre ottantamila preferenze. Autore di numerose pubblicazioni, sia in prosa che in poesia; una sua lirica, ’A vigilia ’e Natale, fu definita da Eduardo De Filippo “un grattacielo che può elevarsi all’infinito”.

 

ANDREA MARCELLI
è uno pseudonimo dietro cui si raccolgono i nomi di autori e redattori di alcuni tra i più noti programmi della recente storia della televisione italiana. Gli ospiti che ha cercato, inseguito e spesso portato in trasmissione, appartengono ai settori più disparati (e disperati) del panorama italiano, un esercito di qualche migliaio di facce, per gran parte dimenticate.

 

GIOCONDA MARINELLI
naturalista e biologa, collabora con Il Mattino. Ha pubblicato poesie, biografie di artisti, un saggio su Michele Prisco e con Maria Orsini Natale Il Girasole della memoria e Canto a tre voci (Avagliano), oltre ad alcuni libri con Dacia Maraini tra cui Dizionarietto quotidiano (Bompiani). Ha firmato monografie sull’antica arte campanaria della sua famiglia di fonditori di Agnone, nel Molise.

 

GIANCARLO MARINO
(Napoli 1984 – vivente ma alquanto insalubre) scrittore e sceneggiatore (in)dubbiamente esistente, ma anche curatore incurabile. Giovane-vecchio membro di Homo Scrivens del cui sito è redattore, dirige con Aldo Putignano la Bottega della Scrittura, il laboratorio di scrittura di Homo Scrivens.
Tra i suoi interessi leciti, su quelli illeciti preferisce sorvolare, predilige la politica e la cultura, che ne fanno un intellettuale impegnato o, a parere dei suoi personaggi, uno “scrittore che si impegna poco”. Suoi racconti sono apparsi nelle antologie Faximile (Frilli 2004), Vedi Napoli e poi scrivi (Kairós 2005), San Gennoir (Kairós 2006), Racconti alla carbonara (Cento Autori 2007). Ha curato l’antologia poetica Dalla bocca del Vesuvio (Giulio Perrone 2007) ed è autore del racconto lungo La parabola dei ciechi (Cento Autori 2008).

 

MARIA MARMO
scrittrice napoletana. Più volte premiata per la sua produzione poetica, ha pubblicato il volume di poesie A voce bassa (Giulio Perrone, 2008) e la raccolta di racconti Hanno le ali le parole (Photocity Edizioni, 2012).

 

PIERO MASTROBERARDINO
(Avellino 1966) è ordinario di Economia e gestione delle imprese. È impegnato nella gestione dell’attività imprenditoriale di famiglia, azienda storica plurigenerazionale avente a oggetto la produzione di vini di pregio da antiche varietà, che distribuisce attualmente in oltre sessanta paesi del mondo. Ha fondato un centro culturale per la promozione di incontri su temi letterari, figurativi e musicali. Ha pubblicato il romanzo Umano errare (2011) e il volume di poesia All’origine dei sensi (2014).
In campo artistico si dedica anche al disegno e alla pittura: ha realizzato mostre personali e collettive in Italia e all’estero.

 

ANGELA MATASSA
napoletana, esperta in comunicazione, scrive per il quotidiano Il Mattino. Ha fondato il periodico per ragazzi La Mongolfiera, il web magazine NT-Notizie Teatrali. Dirige corsi di scrittura creativa e giornalismo. Ha pubblicato saggi sulle favole campane, biografie, romanzi, vinto premi di drammaturgia. Fra le sue opere Leggende e racconti popolari di Napoli (Newton Compton).

 

GIOVANNI MEOLA
drammaturgo, regista, produttore, formatore, fondatore della compagnia Virus Teatrali, ha scritto e diretto una trentina di spettacoli che sono stati rappresentati in decine di teatri e festival teatrali nazionali.
“Il giorno della laurea”, che apre la raccolta “Teatro”, è stato prodotto dallo Stabile di Napoli. “L'Infame” è in allestimento da quasi un quindicennio e si avvicina alle 200 repliche. È ideatore e direttore artistico di format come “I racconti che ci raccontano” e di progetti di letture drammatizzate collettive quali “Editoriali Grandi Firme” e “Scritti (ancora) Corsari”, nonché delle rassegne teatrali “La base dell'iceberg”, “Teatro alla Deriva” e “Teatro Deconfiscato”.
Ha ricevuto diversi premi per i suoi testi teatrali, tra i quali spicca il Premio Enriquez 2008 per la Drammaturgia Sociale. È inoltre sceneggiatore e regista cinematografico con sei cortometraggi all'attivo, pluripremiati e proiettati anche all'estero, con protagonisti del calibro di Massimo Dapporto, Giulio Scarpati, Mariangela D'Abbraccio.

 

MAURA MESSINA
(Napoli 1985). Dopo la laurea magistrale in Design per l’Innovazione e pubblicazione della tesi Napoli città di scarto su aiapzine (osservatorio internazionale di design), progetta alcuni lavori di communication design, loghi, poster, pannelli pubblicitari e partecipa attivamente a numerosi contest nazionali e internazionali. Lavora a un ampio murales per una scuola primaria nel 2011 a Quarto, e realizza presepi e piccole miniature; dall’estate 2013 si avvicina alla ceramica, guidata dall’amico/Maestro Amleto Sales. Ha partecipato ad alcune mostre collettive, tra cui nel 2014 “La Terra dei Fuochi”, presso il Real Sito Belvedere di San Leucio (CE).

 

RAFFAELE MESSINA
(1959) è Dottore di ricerca in Italianistica. Ha pubblicato il volume Il continuo e il discreto nella scrittura di Pirandello (Loffredo, 2009) e ha curato il recupero di novelle pirandelliane (Alla zappa! Una storia di prete pedofilo, Savarese, 2011) e delle opere giovanili di Luigi Compagnone (Gli ultimi paladini e altri racconti, Guida 2006; Le avventure della famiglia De Gregorio, Guida, 2009 - premio “Emily Dickinson” XIII edizione). Esperto di didattica della Letteratura, ha pubblicato anche L’educazione letteraria nella scuola riformata (Loffredo, 2003) e numerosi testi scolastici, tra cui un’edizione commentata de Il resto di niente di Enzo Striano (Loffredo, 2009), la raccolta di racconti Pensaci anche tu! (Ellepiesse, 2011) e il romanzo Ti ritroverò! (Ellepiesse, 2013). Collabora alle riviste «Critica letteraria», «il tetto», «Guida ai libri», «Insegnare», «Rivista di Epistemologia didattica», «Meridione».

 

LUCIO MIRRA
Laureato in Giurisprudenza, da oltre cinquant’anni si occupa di spettacolo e, in particolare, di teatro. Dapprima con la Compagnia Teatro Popolare, e poi con la OR.I.S. ha prodotto un centinaio di allestimenti, considerati tra i migliori della prosa italiana. Da oltre cinquant’anni è nella direzione organizzativa del teatro Diana. È stato presidente nazionale Anet (Associazione degli esercenti teatrali) e ha ottenuto numerosi riconoscimenti, come i Biglietti d’oro Agis, destinati a premiare, tra l’altro, gli impresari che si sono maggiormente distinti nel corso della stagione.

 

MASSIMO MONGAI
nasce a Roma. Laureatosi in legge per errore, è Bibliotecario ad Architettura presso La Sapienza fino al 1981, quando inizia a lavorare come copywriter, sceneggiatore, autore radiofonico e conduttore per RAI.
È docente presso la Scuola di Scrittura creativa Omero, e diverse scuole romane. Ha pubblicato decine di libri di narrativa, di fantascienza e giallo/noir, ed è stato vincitore del Premio Urania 1997 con Memorie di un cuoco d’astronave (Mondadori). Tra le ultime opere, Psicopatologia sessuale di una prostituta cyborg (2014, Edizioni La Vigna).

 

CHIARA MORELLI
è nata nel 1986 a Napoli, dove vive. Laureata in Farmacia, è amante della musica, del cinema e del teatro. Romantica e riflessiva, è portata a osservare il mondo con occhi affascinati e attenti, in attesa di sorprese e di inevitabili disillusioni. Alterna il metodico lavoro di farmacista di giorno con l’eccitante lavoro di scrittura di notte. Il caso Wheeles è il suo primo romanzo.

 

LAEL MORO
è lo pseudonimo di Elena Montuono e Lalla Rotolo, scrittrici napoletane alla prima pubblicazione individuale, sebbene scritta in coppia.

 

PINA MORRA
è nata a Napoli nel 1963, dove vive. Lavora da circa trent’anni nella più grande azienda ospedaliera del capoluogo campano; è appassionata di letteratura, teatro e musica.
Ha partecipato ai volumi Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0, Dei trenta e più modi di perdere l’ombrello, Storie di ordinaria resistenza, editi da Homo Scrivens, e Napoli in cento parole (Giulio Perrone editore).

 

HERIK MUTARELLI
è nato a Napoli nel 1984. Laureato in Giurisprudenza, è autore di racconti e poesie per varie antologie e quotidiani (La Repubblica, Il Roma). Ha pubblicato con Photocity Edizioni la sua prima raccolta di racconti, La notte non ci ricorda. Collabora sin dal 2004 con la compagnia di scrittura Homo Scrivens, come autore e lettore. Questo è il suo primo romanzo.

 

RAFFAELE NAPOLITANO
è nato il 20 febbraio 1980 a Napoli, dove lavora e vive con la moglie Monica e il figlio Alessandro. Entrato giovanissimo nel corpo dei vigili del fuoco si è poi laureato in Ingegneria civile. Tiratore a segno di interesse nazionale ha fatto parte della rappresentativa italiana nazionale juniores e si occupa di danza sportiva come specialista di balli caraibici. È innamorato di cinema, fumetti e teatro. L’amore si fa in quattro è il suo esordio narrativo.

 

LIBERA NASTI
è nata a Napoli, dove vive e lavora. È laureata in Fisica e insegna alla scuola secondaria di primo grado. Laureata in scultura all’Accademia delle Belle Arti di Napoli, insegna “Elementi di fisica per il restauro”. Ha pubblicato due raccolte di racconti Amore e cenere e altri racconti e L’uccello libero e altri racconti (Aletti editore) e il romanzo Il candore del gelso selvatico (Boopen Led).

 

LEONARDO NUTI
nato a Firenze nel 1970, è funzionario amministrativo della Città Metropolitana. Con il racconto Il germe è stato finalista del Premio Letterario Nazionale “Elisabetta e Mariachiara Casini. Scrivere per riportare la vita sulle strade”. Ha pubblicato in antologie e sulla rivista on line Sagarana. È un accanito lettore, in particolar modo di gialli e fantascienza. Si dedica inoltre all’attività teatrale nella compagnia del Centro di Teatro Internazionale di Olga Melnik.

 

NAZZARENO ORLANDO
è nato a Benevento, dove vive e lavora presso una importante azienda aerospaziale. Giornalista, ha diretto per alcuni anni il mensile Terra di mezzo. Assessore alla Cultura e Comunicazione per circa un decennio, per ventisette anni ha collaborato alla realizzazione del Festival Benevento Città Spettacolo. È direttore della Collectanea Pensiero Lento – Edimedia Edizioni, per la quale nel 2008 ha pubblicato il testo Il vento nel sacco.

 

ARMIDA PARISI
è responsabile della pagina culturale del quotidiano Roma, presso cui gran parte di questi racconti è stata pubblicata tra agosto e settembre 2013.

 

ERRICO PASSARO
è nato nel 1966 a Roma, dove lavora come ufficiale dell’Aeronautica Militare. Vive ad Anzio, circondato da quattromila libri.
Ha pubblicato oltre 1700 articoli, sette romanzi, centinaia di racconti.
Le ultime pubblicazioni sono: Zodiac (Urania-Mondadori), Inferni (Bietti), Necropolis (Giallo Mondadori). Di prossima pubblicazione L.E.X. – Inverno Arabo (Segretissimo-Mondadori).

 

MASSIMO PAUDICE
vive a San Giorgio a Cremano. È laureato in fisioterapia, appassionato di blues, libri noir e del teatro tradizionale partenopeo. Ha pubblicato due raccolte: Una dietro l’altra, (Spring, 2010) e La luna tra le dita (Photocity Edizioni, 2012).

 

CARLO PELLEGRINO
(Napoli 1956) insegna filosofia  al liceo. Si è occupato della pagina estera nei primi anni ottanta per il  quotidiano Napolinotte; ha scritto per la rivista di arte e cultura Città &  città, ha pubblicato Il sole riscalda la terra nell’antologia di racconti Fra vulcano e mare (Conisco) e, per le edizioni Dante & Descartes, è uscito il  romanzo E dopo venne ieri, premio speciale Nova Sociale, letterature internazionali 2012.

 

ERSILIA ANNA PETILLO
è nata nel 1984 a San Gennaro Vesuviano, ma vive a Cimitile. Ha partecipato al romanzo collettivo La vera bellezza, Boopen 2010, e alla Enciclopedia degli scrittori inesistenti, Homo Scrivens 2012. Vincitrice del premio Racconti in biblioteca, Fantasy edition 2012, ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui la menzione d’onore al XVI Premio Letterario Internazionale Trofeo Penna d’Autore - sezione poesia a tema libero (2010). È autrice della raccolta poetica Le stelle sul soffitto, Boopen Led 2011; è tra gli autori di Serial Novel, Homo Scrivens 2014.

 

MARIA ROSARIA PUGLIESE
è nata e vive a Napoli. Con la prima edizione di Pazienti smarriti (2010) è stata finalista al Premio Rea e al Premio Giovane Holden (2011) e semifinalista al concorso What Women Write indetto dalla Mondadori. Nel 2014 ha pubblicato Carretera. Quattordici storie strada facendo (go-Ware Edizioni, in formato cartaceo ed e-book). Collabora a siti e riviste on line ed è fra gli autori dell’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012).

 

ALDO PUTIGNANO
Nato a Napoli nel 1971, scrittore e docente di scrittura, è dal 2002 coordinatore di Homo Scrivens, prima compagnia italiana di scrittura, e dal 2012 editore dell’omonima casa editrice.
Ha diretto le edizioni Cento Autori e il gruppo editoriale Boopen-Photocity; con la sua attività ha portato alla pubblicazione oltre trecento persone.
Fra le sue pubblicazioni più recenti: Il caso Freud (Giulio Perrone 2007) da cui è stato tratto lo spettacolo teatrale Un titolo qualsiasi, per la regia di Stefano Magliole; La sindrome di Balzac (Cento Autori 2011). Ha curato con Giancarlo Marino l’Enciclopedia degli scrittori inesistenti (seconda edizione, Homo Scrivens 2012).

 

MARIAROSARIA RICCIO
scrittrice e arteterapeuta, psicologa clinica, ha lavorato con Jodorowskj ed è stata teacher di biodramma di Lorenzo Ostuni presso l’Istituto di Esalen, Big Sur, California. È fra i fondatori della compagnia di scrittura Homo Scrivens con cui ha partecipato a diversi reading e spettacoli di lettura. Ha pubblicato nel 2007 la prima edizione del romanzo Al di là della barriera (Kairós) e nel 2011 Tanti piccoli passi (Photocity Edizioni).

 

RENATO ROCCO
è nato a Pozzuoli nel 1936. Laureato in Lettere classiche e docente di Psicologia sociale presso l’Istituto superiore di Sociologia di Napoli, ha lavorato nel settore delle politiche giovanili della Regione Campania. Collabora con varie testate giornalistiche e ha pubblicato le raccolte di aforismi e calembour Il doppio giogo (Savarese, 2002), Colmo di fulmine (Edizione del Delfino, 2003) e Il motto che parla (Savarese, 2010).

 

LUCIO RUFOLO
è nato a Contursi Terme. Vive a Napoli dove lavora come medico specialista in malattie dell’apparato respiratorio. Ha pubblicato I grandi progetti per la trasformazione del mezzogiorno (Leonardo Editore), Per i piccinìn cuore affettat (I figli sò piezz’ ‘e core), Proverbi e detti napoletani tradotti in padano (Edizioni Cento Autori), Ho scritto T’avor sulla sabbia, Psicopatologia degli amori nevroticamente infelici (Photocity Edizioni). Sul traffico a Napoli ha scritto sul Mattino e sulle pagine napoletane dell’Indipendente. Guida regolarmente una Fiat Tipo, ed è in possesso della patente B.

 

MARCELLA RUSSANO
nata a Napoli nel 1975, da sempre sogna, scrive e lavora libri. Collabora a tempo pieno con la redazione del gruppo editoriale Lit di Roma.
Vincitrice nel 2005 della “Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo” con il racconto Inconsapevoli Attraversamenti (Cento Autori), è autrice di narrativa per l’infanzia (Il munaciello, 2007, L’Isola dei Ragazzi; Paolo il sonnambulo, 2010, Lavieri; Il paese del caos, 2012, Fanucci). Nel 2011 ha pubblicato Nero a metà. Dalle origini a GRANDE MADRE, tutta la poesia di Pino Daniele (Arcana).
Ritorno a Toledo è il suo primo romanzo.

 

CRISTINA M. RUSSO
è autrice di romanzi collettivi e di racconti, e ha vinto diversi premi letterari. Drammaturga per passione. Icona dei capelli bianchi con varianti viola. Paladina dei bambini, inventa con loro favole estemporanee che poi dimentica di trascrivere. Foto Romanzi è il suo primo romanzo.

 

VINCENZO RUSSO
scrittore e animatore culturale. Più volte premiato per la sua attività poetica e di talent scout, anche in ambito internazionale, ha pubblicato Il treno dei sogni (Spring 2006), le raccolte poetiche Il magico scenario e Intorno a te…, il testo teatrale Che fine ha fatto la cicogna?, e Radio Giuseppina, il libro più venduto di Photocity Edizioni (2010). Fra i riconoscimenti ricevuti, la Medaglia d’oro dello Stato Vaticano (2009) e il “Premio internazionale alla Cultura” della Universum Academy Switzerland (Lugano 2011). Fortemente impegnato nel sociale: uno degli obiettivi di questo libro è raccogliere fondi per l’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare.
www.vincenzo-russo.com

 

ALESSIO CHRISTIAN PANICO
è poeta e scrittore. Vive a Pomigliano d’Arco e si è diplomato, nel 2005, alla Scuola Militare “Nunziatella” di Napoli, dove ha scoperto la passione per la parola scritta. Autore di poesie anche premiate, studia Storia alla Federico II di Napoli.

 

GIOVANNI PARISI
è nato a Napoli. Laureato in storia alla Federico II, ha conseguito un master in relazioni istituzionali presso la Luiss Guido Carli di Roma. Attualmente ricopre la carica di assessore alla Cultura della Municipalità 4 del Comune di Napoli. Per le edizioni L’isola dei ragazzi ha pubblicato Il marchese di Collino.

 

GIUSEPPE PETRARCA
vive e opera a Napoli, dove si occupa di valutazioni tecniche di piccole e medie aziende per un primario gruppo assicurativo. Collabora con Medici Senza Frontiere.
Nel 2013 ha pubblicato il medical thriller Inchiostro rosso.

 

MARIO PETRELLA
Psichiatra, attivo nel centro di Medicina Sociale di Giugliano negli anni ’70 nelle iniziative per il superamento dell’ospedale psichiatrico Frullone e negli anni '80 come responsabile pubblico del progetto Aleph. Successivamente è stato direttore del Dipartimento delle Farmacodipendenze e quindi del Dipartimento socio-sanitario dell'Asl Napoli 1.
È autore di vari articoli e studi di settore.

 

ARNOLFO PETRI
scrittore, regista, drammaturgo, poeta, attore. Dirige dal 1998 il Teatro Il Primo di Napoli da lui fondato. Autore di una drammaturgia dissacrante e trasgressiva, pubblicata nella trilogia Il Teatro dell’Anima (Bel-Ami Edizioni, 2011), ha al suo attivo le raccolte poetiche Graffi del cuore (Guida, 2010) e Sono nato nel sessantuno (Photocity Edizioni, 2011), nonché il romanzo Camurrìa (Homo Scrivens, 2012), finalista al premio Carver 2014, e la cui versione teatrale ha ricevuto nel 2013 il Premio “Sipario” e una menzione speciale alla VIII edizione del premio “Fersen”. Due suoi racconti sono inclusi nei volumi La zona grigia-Scrittori per la legalità (Guida, 2014) e Scrittori per Eduardo (ESI, 2014) entrambi promossi dall’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

 

BRUNO PEZZELLA
è nato a Napoli. Docente, esperto in alta formazione, giornalista, ha scritto per anni su quotidiani locali e nazionali, e ha curato l’ufficio stampa di un’organizzazione sindacale. È autore di monografie e saggi di pedagogia, didattica e filosofia, ma la sua passione per la scrittura si identifica con il genere noir.
Ha pubblicato L’enigma di Calvino (finalista come inedito al Premio Napoli in Giallo, Guida 1999), Nik Stupore... e i tre nodi del marinaio (Rogiosi 2014). Tra i numerosi saggi, La fabbrica della felicità e il Sapere tra incertezza e coraggio (entrambi editi da Cuzzolin).
Ha collaborato con Peppe Lanzetta alla stesura dei primi testi teatrali dell’attore e scrittore e ha operato, come critico teatrale, dal 1979 al 1985. Ha curato due mostre: “Eduardo 1954-1960” (in Estate a Napoli 1982) e “Distrattamente - Napoli e i napoletani dall’inizio del secolo agli anni ’60” (in Suoni e scene al castello 1995). E continua a scrivere.

 

CORRADO PIANCASTELLI
(Napoli 1930-2014). Ha fondato e diretto la prestigiosa rivista di filosofia e neuroscienze Uomini e Idee e quella di psicanalisi Quaderni reichiani. Biografo e critico di Giuseppe Berto, Domenico Rea e Edoardo de Filippo, ha pubblicato una quindicina di volumi, oltre a monografie e articoli per riviste e quotidiani. È stato finalista al premio Viareggio.

 

OLIMPIA PICCOLO
è nata a Marano di Napoli nel 1964 e insegna religione nella scuola primaria. Ha pubblicato, nel 2009, il libro Non è mai tardi (Il Filo), una storia autobiografica, per la quale ha vinto alcuni premi letterari e un diploma di merito (Concorso Letterario Internazionale “Giovanni Gronchi”). Ha partecipato a volumi di scrittura collettiva come l’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012) e Napolicromie (Book Factory 2013).

 

MINO REMOLI
nato come cantante e chitarrista, ha girato l’Europa esibendosi nei migliori locali. Ha scritto diversi testi teatrali, e ha iniziato un percorso di studio filologico sui vari stili musicali, approdando così alla canzone napoletana. Ha collaborato con artisti come Alighiero Noschese, Pupella Maggio, Ugo Gregoretti, Roberto Murolo.

 

AURELIO RAIOLA
vive a Torre del Greco ma nasce a Napoli nel 1963 sotto il segno dei Gemelli. E, pur negando ogni responsabilità, Castore e Polluce lo trascinano sulla via dell’eterna doppiezza, fino alla contraddizione ultima di un impiego in banca e della passione per la scrittura umoristica.
Scende la china partecipando alle raccolte Aggiungi un porco a favola (Cento Autori 2009) e Se mi lasci, non male (Kairós 2010). Poi lascia tracce indelebili nell’Enciclopedia degli Scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012), marcando il territorio con figure retoriche immortali come l’Apèrepe e l’Iperbacco, e accoglie con uno sberleffo la profezia dei Maya insieme ad altri prodi in Cronache dalla fine del mondo (Historica Edizioni 2012). Infine, serra le fila con altri resistenti in Storie di ordinaria resistenza (Homo Scrivens 2013) ed è complice di una reprimenda collettiva in 99 rimostranze a Dio (Ottolibri 2013). Dulcis in fundo, sfoga un’insana passione per il pibe de oro cantandone le gesta in ottave in Forza Napoli! di Aldo Putignano (Giulio Perrone 2013).
Ama l’amore e i versi diversi, ma ancor di più la parmigiana di melanzane.

 

ROSARIA RIZZO
è nata nel 1966 a Napoli, dove vive. Ha trascorso gran parte delle estati della sua infanzia a Guagnano, nel Salento. Ha lavorato per anni per la Fondazione IDIS-Città della Scienza di Napoli, e attualmente ha un impiego pubblico. Nel 1990 appare nel film La Cosa di Nanni Moretti. Ha collaborato con Sensibili alle Foglie alla collana Cartabelli (1992-1993) e alla ricerca documentaria per il Progetto Memoria La mappa perduta (1994). Ha partecipato a diversi volumi fra cui Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012), Dei trenta e più modi di perdere l’ombrello (Homo Scrivens 2013), Napoli in cento parole (Giulio Perrone 2014).

 

TULLIO SALDANERI
(Castrovillari, Cosenzaa, 1991) vive in Emilia Romagna. Collabora con alcune testate, fra cui Il Resto del Carlino. Nel 2014 si è laureato in Scienze della Cultura con una tesi sul Gruppo Gramsci citata nell'ultima opera di Ermanno Rea, Il caso Piegari (Feltrinelli 2014).

 

EMILIA SANTORO
è nata a Napoli nel 1959. Suoi racconti sono stati pubblicati su diverse riviste letterarie italiane tra cui Linea d’Ombra e Dove sta Zazà, entrambe dirette da Goffredo Fofi. Dopo una ricerca storico-letteraria su monumenti e luoghi della provincia di Napoli, ha scritto una serie di articoli per Il Mattino e pubblicato il suo primo romanzo La Sparizione (Manni, 2006). Nel 2008, in piena crisi di rifiuti a Napoli, ha contribuito al dibattito sui problemi socio-ambientali in Campania con il dossier Chiaiano emergenza ambientale e democratica, reperibile in rete.
L’anno successivo ha partecipato a Raccontami… le voci di dentro. Cinquanta scrittori raccontano Napoli, evento letterario organizzato dalla Fondazione del Premio Napoli.

 

MICHELE SERIO
vive e lavora a Napoli. Dopo un inizio da musicista e autore teatrale, ha pubblicato La signora dei Lupi (Spirali), Pizzeria Inferno (Baldini e Castoldi), horror considerato libro di culto da un’intera generazione di scrittori (seconda edizione: Homo Scrivens 2012, con prefazione di Valerio Evangelisti); Nero Metropolitano (Baldini e Castoldi), definito da Niccolò Ammaniti sul Corriere della sera “il miglior libro dell’anno”; Reporter di Strada (L’ancora del Mediterraneo); Napoli corpo a corpo, manuale di sopravvivenza metropolitana (Marlin); La dote (Flaccovio) proclamato “miglior libro campano dell’anno” in un sondaggio tra i lettori indetto dal Corriere del Mezzogiorno. Ha partecipato nel 2012 all’antologia Bel paese, edita in Francia, con Camilleri, De Cataldo, Wu Ming e altri. Ha scritto programmi per la radio e per la televisione, e sceneggiature cinematografiche; collabora a numerosi quotidiani e riviste.
I suoi romanzi più importanti sono stati tradotti in Francia, Spagna, Grecia, Germania.

 

ALFONSO SEVERINO
nasce a Napoli. Ha pubblicato le raccolte poetiche: Le parole liberate (Michelangelo Comunicazione 1915, 2006), Percorso inVerso (Libroitaliano World, 2009), Atelier per signore (La casa delle parole, 2011). È presente nell’antologia L’evoluzione delle forme poetiche 1990-2012 (Kairós, 2013), Amico delle parole (LietoColle, 2013). Suoi testi sono stati tradotti in Romania dall’italianista e poeta Geo Vasile (Conta, 2012 e Orizzonti, 2012).

 

ELIANA SCIPPACERCOLA
in arte SCICOLA (per amore del prossimo), è nata a Civitavecchia. Ha frequentato il laboratorio di scrittura comico-umoristica di Pino Imperatore e attualmente frequenta quello di scrittura creativa diretto da Antonio Sinisgallo, presso la fondazione Humaniter di Napoli. Ex insegnante elementare, ha sempre amato scrivere poesie e racconti. Vive a Napoli, ma la mente è altrove.

 

ANNA MARIA SIENA CHIANESE
ha collaborato alle riviste Harper’s Bazaar, Gran Bazaar, Men e a numerosi periodici e quotidiani. Tra le pubblicazioni in volume: La nobiltà napoletana oggi (1992, 1995), E.A. Mario, un diario inedito (1997), Viaggio sentimentale nella letteratura italiana (2013).

 

ETTORE SQUILLACE
ballerino, coreografo e insegnante, vanta collaborazioni con Sandro Massimini, Renato Greco, Tato Russo, Rosalia Maggio, Carlo Buccirosso, Gino Rivieccio, Vittorio Marsiglia, Armando Pugliese, Sal da Vinci e tanti altri ancora. Ha inoltre diretto decine di videoclip per diversi cantanti e firmato la regia di numerosi concerti; ha partecipato a trasmissioni televisive condotte da Pippo Baudo, Loretta Goggi, Mike Buongiorno sia come artista che come coreografo. Responsabile e direttore artistico del settore danza della Campania dell’U.S. Acli, collabora come esaminatore, coreografo e regista con numerose scuole di danza.

 

VINCENZO TORELLA
è nato nel 1980 a Napoli, dove vive con le sue due cagnoline. Ha scritto la prima favola a otto anni per poi dedicarsi alla stesura di poesie e romanzi brevi. Ha pubblicato Segni sulla pelle (ilmiolibro.it). Occhi verdi e tanta voglia di lasciarsi sorprendere dalla vita, con un forte atteggiamento intimistico, ama il vento e l’autunno e sostiene che il segreto della felicità sta nell’assecondarsi senza aver paura di osare.

 

VINCENZO TORELLA
è nato nel 1980 a Napoli, dove vive con le sue due cagnoline. Ha scritto la prima favola a otto anni per poi dedicarsi alla stesura di poesie e romanzi brevi. Ha pubblicato Segni sulla pelle (ilmiolibro.it). Occhi verdi e tanta voglia di lasciarsi sorprendere dalla vita, con un forte atteggiamento intimistico, ama il vento e l’autunno e sostiene che il segreto della felicità sta nell’assecondarsi senza aver paura di osare.

 

CHIARA TORTORELLI
creativa pubblicitaria ed editor presso Homo Scrivens, è nata a Prato il 22 novembre 1970. Ha partecipato al primo volume collettivo di Homo Scrivens, Faximile, 49 riscritture di opere letterarie (Frilli 2004) e a diversi volumi fra cui Vedi Napoli e poi scrivi (a cura di A. Putignano, Kairòs) e l’Enciclopedia degli scrittori inesistenti (a cura di G. Marino e A. Putignano, II edizione 2012 Homo Scrivens).
Nel 2007 ha pubblicato nella collana di tascabili “Leggere veloce” la raccolta di racconti La semplicità elementare dell’amore (Cento Autori).

 

ANIELLO TROIANO
è nato a Benevento, nel 1991, e vive a San Martino Valle Caudina (AV). Studia Lettere Moderne alla Federico II di Napoli. Cura tre blog: Aniello Troiano dal 2011; Rivista Fralerighe dal 2012, in qualità di fondatore e direttore; Stories dal 2014, per il giornale Ottopagine. Ha presentato diversi romanzi in veste di moderatore. A volte pensa di scrivere anche per “colpa” di Quentin Tarantino e di un certo tipo di cinema, ma è una lunga storia… In ogni caso, finché si divertirà continuerà a farlo.

 

ANTONIO VALERIO
architetto per studi, viticoltore per vocazione e passione. La sua azienda “Campi Valerio” trae origine dall’antica cantina fondata nel 1972 nel cuore dei vigneti del principe Giovanni Pignatelli, casato all’epoca presente nel territorio di Monteroduni che produceva due vini: La Selvotta e il S.Nazzaro. È riuscito a recuperare gli antichi vigneti della zona, in stato di abbandono, e ha iniziato un percorso di ricerca finalizzato al rilancio del territorio, la sua meravigliosa avventura.

 

ROBERTO VAN HEUGTEN
di origine olandese, vive a Lonato, presso il lago di Garda. Ha pubblicato il romanzo noir La casa sul meteorite (Vàrum, 2014). Più volte segnalato in concorsi sul giallo e noir, con Il silenzio di Ada è stato terzo classificato degli inediti al Festival Giallo Garda 2016.

 

SIMONA VASSETTI
è nata a Napoli, dove vive. Ha pubblicato il libro sul fumetto Diabolik (Tesauro Ed. 1995) e Controtempo, raccolta di racconti pluripremiata (Montedit 2000). Ha partecipato a varie pubblicazioni con Delos, a cura di Franco Forte, e Homo Scrivens, l’ultima delle quali è Faximile, 101 riscritture di opere letterarie. Collabora con riviste e portali letterari con recensioni di libri e film. Un suo racconto su Bukowski è stato pubblicato sulla rivista Antarès.

 

SERENA VENDITTO
è nata a Napoli nel 1980, un giorno dopo Harry Potter. Ha esordito con una commedia rosa, Le intolleranze elementari (Homo Scrivens 2012), più volte ristampata e da cui è stata tratta una rappresentazione teatrale a cura della compagnia Parole Alate; nel 2014 ha pubblicato la commedia gialla Aria di neve, il primo romanzo in cui compaiono i 4+1 di Via Atri 36 e il gatto detective Mycroft, vincitore del premio della critica Costadamalfilibri 2015, seguito l’anno successivo da C’è una casa nel bosco (Menzione speciale al Giallo Garda 2016).
Ha partecipato all’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 e a Faximile. 101 riscritture di opere letterarie, entrambi editi da Homo Scrivens; cura la rubrica Bar Sport per il sito Napoliclick.it.
Ama i libri e i colori: oltre a leggere e scrivere gialli, ha i capelli rossi, gli occhi verdi e un gatto nero.

 

BRUNO VETTORE
(Rovigo 1961) è uno dei più noti e stimati manager del real estate italiano. Direttore generale di Tecnocasa e di Pirelli RE Franchising, è attualmente Presidente e Amministratore Delegato di Gabetti Franchising Agency, Grimaldi Immobiliare e Professionecasa; è inoltre Amministratore Delegato della holding Tree Real Estate. È stato presidente dell’Associazione Italiana del Franchising tra il 1998 e il 2002. Nel 2011 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana”.

 
 

GIANCARLO VITAGLIANO
vive a Napoli con la moglie e due figlie, ed è cardiologo presso il più grande ospedale del sud Italia. È appassionato di libri, fumetti, cinema, musica e moto. Ha pubblicato quattro romanzi: Fantasmi dentro (Cicorivolta 2009); Che musica ascolti (Photocity Edizioni 2011); L’amore negato (Lettere Animate 2014) e Malaika (Watson 2015) oltre a diversi racconti gialli e noir in varie antologie.

LETIZIA VICIDOMINI
è nata e vive a Nocera Inferiore, ma è cittadina onoraria di Napoli. Ha lavorato come speaker in tutte le maggiori radio campane, da Kiss Kiss a Rtl 102.5, da Radio Marte a Radio Club 91, passando per Crc e Radio Punto Nuovo. Ha pubblicato per Akkuaria Nella memoria del cuore (2006) e Angel (2007), mentre nel 2013 è uscito per le Edizioni Cento Autori Il segreto di Lazzaro.

 

MARIO VISONE
(Napoli, 1978) scrittore, studioso di filosofia politica e delle organizzazioni politiche del Novecento, primo Presidente del Consiglio degli Studenti dell’Ateneo napoletano dichiaratamente di sinistra. È presidente dell’associazione TARE – Terapie Artistiche per Ricoveri Emozionali e collabora alla rivista Sinistra e Mezzogiorno. Ha pubblicato: Dominio - Cenni su produzione, riproduzione sociale, urbanità e natura nell'ideologia della globalizzazione (Il Quaderno Edizioni, 2012); AvoilaLeopolda, AnoiilSocialForum (Il Quaderno Edizioni, 2013).

 

LUIGI VITIELLO
nasce a Napoli nel 1950. È medico, psicoterapeuta e istruttore di Yantra Yoga. Dal 1977, allievo del Maestro tibetano Chögyal Namkhai Norbu, ha curato la prima edizione italiana del testo Nascere e vivere (ed. Shang-Shung, 1992) di Namkhai Norbu. Ha collaborato inoltre al libro La grande guarigione di Namkhai Norbu e Trogawa Sampel (Ubaldini, 2002).

 

ANNAVERA VIVA
è nata a Galatina (Lecce) ma vive a Napoli dal 1982. È autrice di numerosi racconti, molti dei quali finalisti in premi letterari nazionali e internazionali.
Con il suo primo romanzo Questioni di sangue (Homo Scrivens 2014), nel quale compaiono per la prima volta Raffaele e Peppino, i due fratelli separati alla nascita e destinati a percorrere strade opposte, ha riscosso un enorme successo di pubblico e di critica.

 

FRANCO ZANGRILLI
nato a Ripi (Frosinone), vive a New York, dove è Full Professor d’italiano e di letteratura comparata alla “City University of New York”. Ha pubblicato numerosi saggi e interviste su scrittori contemporanei, da d’Annunzio a Calvino, da Sciascia a Pomilio. Fa parte del “comitato scientifico” di riviste letterarie come «Pirandelliana. Rivista Internazionale di studi e di documenti», «Libellula. Rivista d’italianistica on-line», «Studi e ricerche di Filologia e Storia». Per il suo lavoro di critico ha ricevuto diversi riconocimenti, fra cui: “Premio Mursia”, “Premio Misterbianco”, “Pergamena Pirandello 2005 - La Città e i Paesi di Pirandello”, “Premio giornalistico Internazionale INARS”. Per Salvatore Sciascia Editore dirige una collana di critica letteraria, “Sentieri saggistici”, e una di scrittura creativa (poesia, teatro, narrativa), “Scrittori del mondo”.

Site logo